Città Aperta presenta un cineforum su risorgimento e resistenza

Ciao a tutti!

Approfitto dell’occasione per aggiornare un pochino il blog e per salutare chi ancora trova il tempo di passare per queste pagine a vedere cosa ci scrivo dentro =)

Oggi vi vorrei segnalare una interessante iniziativa dell’associazione Città Aperta, di cui faccio parte.

Si tratta di un cineforum che nasce dalla volontà di celebrare il 150° anniversario dell’unità d’Italia; nel caso specifico ci siamo soffermati sul percorso ideale che per molti versi unisce il Risorgimento con la Resistenza e che ha portato poi alla nascita della Costituzione Italiana. Continua a leggere

Secondo giorno – 15 agosto – da Girona a Saragozza, infine Madrid

Un’altra notte volata, il tempo di posare la testa sul materassino ed era già mattino.

La palestra di Girona non era un granché.. siamo finiti in una palestra piccolina con pochi servizi e tanta gente, perché a quanto pare si attendevano molta meno gente di quanta sia poi arrivata.. Ma hanno fatto di tutto per accoglierci e darci modo di dormire e di far colazione che, zaini in spalla, abbiamo fatta al palazzetto principale alle prime luci dell’alba. Continua a leggere

Primo giorno – 14 agosto – in viaggio da Cittadella a Girona

Le valigie.. ci ho messo un secolo a prepararle!

Ma non erano un problema, il problema era l’attesa, il mettersi in movimento dentro per prepararsi, il problema era raccogliere i cocci di me, metterli uno accanto all’altro, riconoscere che erano tutti parte di un tutt’uno, decidere che avevano bisogno di essere rimessi insieme, di tempo, di cura.

Ho voluto preparare anche quel grande cartellone che poi non siamo riusciti ad usare, eppure è stato bello far fatica fino a tardi pensando ai miei compagni di viaggio, al fatto che ciascun pezzo, ciascun minuto del tempo che stavo impiegando era per loro, e che l’insieme sarebbe stato qualcosa di bello e di significativo! Continua a leggere

Piccole soddisfazioni: finalmente WP che si aggiorna come deve!

Evvai!! A quanto pare l’intuizione di quindici giorni fa era buona:
stavolta l’aggiornamento di WordPress è andato liscio come l’olio!!

Quindi si trattava proprio di un problema legato ai permessi dei files che non venivano impostati correttamente per il mio ambiente di hosting, costringendomi tutte le sante volte a reimpostarli manualmente!

Non mi resta che condividere la gioia di aver trovato soluzione a quel noioso e ricorrente scherzo di upgrade e… andare a dormire, perché domani è un altro giorno 😉

Ciao!

Aggiornare WP, che passione

La scelta di un termine ambivalente come “passione” è stata (ahimé!) necessaria, dopo l’ennesima fatica nell’aggiornare WordPress tramite le funzioni di aggiornamento automatico presenti nell’area amministrativa.

Vi racconto qui com’è andata, sperando di risparmiare qualche imprecazione almeno a voi, nel malaugurato caso (e non ve lo auguro) in cui vi capitasse 😉

Continua a leggere

Buon 2011!!

Un andarsene silenzioso, ha girato l’angolo ed è sparito dagli occhi: quest’anno è finito all’improvviso, nel mio sentire, nemmeno il tempo di accorgersi che ci stava lasciando… forse perché c’era troppo rumore, perché troppe sono state le parole dette e ribadite ed urlate, dai tetti e dalle piazze, a volte per buoni motivi, a volte per ingannare…

E’ facile andarsene quando nessuno bada a te, togliere il disturbo quando tutti sono presi dalle loro faccende, dalle loro quotidiane ansie di andare, di costruire, di fare.

E’ importante fare. Senza opere non saremmo qui, io a scrivere su questa tastiera e tu a leggere queste righe. E’ con il lavoro di innumerevoli generazioni di persone che siamo arrivati a questo punto della storia, noi, piccoli uomini sulle spalle di giganti di cui a volte nemmeno conosciamo il nome o il valore. Eppure non saremmo qui senza di loro, senza l’interminata schiera di anni che ci hanno portato conoscenza, benessere, libertà, democrazia, fede e quant’altro di bello e di grande riempia la nostra esistenza…

E allora mi fermo per un momento a dire grazie, ad abbracciare in cuor mio tutti quelli che sono stati qui, che hanno calpestato questa terra, che hanno affrontato il viaggio di una vita come anche a me, come a chiunque è chiesto di fare.

Non posso non fermarmi e guardare avanti, dare una prospettiva a quest’attimo fuggitivo e schivo, ai piccoli e grandi pensieri che mi fanno compagnia in questo istante.. non posso non pensare alla mia parte di responsabilità, a cosa potrò donare a chi a suo tempo si troverà ad essere in questo luogo, in ogni luogo, in altro tempo…

Penso poi alle grandi sfide dell’energia, della pace, della tolleranza e delle comprensione reciproca tra le persone e tra i popoli, della scienza, delle malattie che ancora sono incurabili.. Penso alla più grande sfida di tutte, quella del senso della vita, cui sempre meno persone prestano attenzione, demandando ad altri il compito di confezionare risposte facili e pronte, ma per questo stesso motivo insussistenti e inappaganti.

Penso a tutti noi, alle occasioni che avremo in quest’anno di incontrarci, di farci del bene, di fare la nostra parte per rendere migliore la vita di ciascuno e quella di tutti.. e non posso non sperare, ancora una volta, che faremo di tutto perché sia così!

Buon 2011 allora, vi abbraccio forte!!

PS: per rivedere l’animazione iniziale, clicca qui!

B
U
O
N
 
A
N
N
O
!

Estrarre un’animazione flash (.swf) da un file excel (.xls)

Qualche vostro amico/a vi ha mandato il “classico” file XLS con la “classica” animazione natalizia di auguri fatta in flash?

Se (come me) usate OpenOffice e non MS Office, non riuscite a vederlo perché (giustamente) OpenOffice non sa cosa farsene di un file in flash incluso in un documento excel: vi mostra solo il primo frame, che poi probabilmente sarà l’anteprima che ha generato Office quando l’ha incluso, e altro non potete fare… D’altronde se anche avessimo voluto estrarci il file in flash (.swf) incluso, usando un sistema in cui c’è excel per poi vederlo nel nostro computer  non avremmo avuto migliori prospettive.. perché non c’è modo di farlo tramite l’interfaccia di excel!

Possibile che non ci sia un sistema per riottenere quel flash incluso e potercelo guardare nel browser?
Ma è una domanda retorica: certo che c’è! Tutto quel che ci serve è un semplice editor esadecimale (io per scrivere questo mini-tutorial ho usato HxD ) e un po’ di attenzione.

Pronti? Si parte!

Apriamo con l’editor il nostro file .XLS.

Cerchiamo nel file, a partire dall’inizio, la seguente sequenza di bytes (hex):  46 53 57 (“FWS” in ASCII).
Corrisponde, come potete vedere in queste specifiche, alla “firma” di 3 bytes che si trova sempre all’inizio dei file flash, e se notate altro non è che l’estensione “SWF” a rovescio 🙂

Segnatevi (poi servirà) l’indirizzo a cui trovate la sequenza, cioè per la precisione l’offset cui si trova il primo byte della sequenza rispetto all’inizio del file.

Andate avanti di 4 bytes da quell’offset ed annotatevi, a partire da questa nuova posizione, i 4 bytes che troverete (per esempio “B8 A2 12 00”) perché rappresentano -sempre a quanto si legge nelle specifiche di prima- un intero senza segno a 32 bit  contenente la lunghezza del file SWF scritto a partire dal byte meno significativo fino a quello più significativo (per es. “B8 A2 12 00” significa “0012A2B8” in esadecimale, cioè 1221304 bytes).

Ora che abbiamo la lunghezza non ci resta che scrivere su un altro file quel numero di bytes a partire dall’indirizzo base, cioè quello a cui avevamo individuato la sequenza “FWS”: in HxD ci basterà usare la funzione seleziona blocco, indicare l’indirizzo di partenza e la lunghezza, dare ok, poi fare copia, creare un nuovo file, fare incolla e infine salvare il nuovo file con un nome adatto al suo contenuto, come ad esempio “auguri.swf”.

Et voilà! Trascinando nel browser il file possiamo finalmente goderci i nostri auguri!! =)
Ancora Buon Natale a tutti!! =)

Viva la rete, abbasso la TV

Ok.. io alla TV in generale (e al gossip travestito da TV in special modo) sono particolarmente allergico, per cui forse non sono la persona più indicata per parlarne.. però anche sull’onda isterica dello switch-off al digitale terrestre mi sono posto tante domande..

Certo, ogni tanto mi capita mio malgrado di vederla per un po’ e mi chiedo se ci prendono per stupidi, o se pensano davvero che prima o poi, insistendo, lo diventeremo!?

Ma non è per spirito di “bastian contrario” che lo dico, quanto perché ho sempre detestato e temuto il meccanismo di assuefazione che la televisione induce nel telespettatore.
E anche per molto altro, che ora vi vado a spiegare..

Continua a leggere

A Night in Padova

due passi in notturna per il centro

una città ha sempre qualcosa di nuovo da mostrare

Ho sempre vissuto Padova da studente, tracciato il mio percorso sul selciato tra le aule e la stazione, tracciando invisibili binari di consuetudine, tra la folla affannata nelle cose d’ogni giorno e le lancette implacabili di orari e tabelle di marcia. Non che camminassi a testa bassa, anzi ho sempre guardato con curiosità ogni cosa, ma la percezione di quei luoghi era necessariamente polarizzata dal contesto in cui li vivevo e dalla sua permanente provvisorietà..

Pertanto mi ha fatto una certa impressione il fatto di tornarci, anni dopo aver concluso gli studi universitari, e per di più di sera: un volto della città che, in quanto pendolare, non ho mai conosciuto.

Un volto un po’ triste, ai miei occhi, complice forse la serata dai risvolti inattesi e un senso di solitudine nel constatare come l’estate avesse portato via con sé non solo il suo luminoso calore, ma anche ciò che più di ogni altra cosa alla città dà senso: le persone. I muri, il selciato, le luci sono sempre uguali, siamo noi a viverci dentro e a rendere nostri questi spazi.. senza, la città diventa una scatola vuota, un contenitore senza contenuto..

Se volete potete guardare con me  attraverso l’obiettivo della reflex qualche immagine che ho raccolto.

Buona visione!